Come sono fatte le pellicole?

Come sono fatte le pellicole per vetri? Le pellicole adesive con effetto specchio, sono prodotte con un processo di lavorazione Hi-Tech.  Il primo foglio di poliestere trasparente in rullo ad alta resistenza è vaporizzato con molecole di alluminio e/o altri metalli. La tecnologia di vaporizzazione dona alla pellicola altissimi poteri riflettenti e una trasparenza perfetta evitando le distorsioni ottiche. Allo strato trattato si sovrappongono altri livelli di poliestere che servono a preservare la Pellicola stessa dall’attacco di agenti corrosivi presenti nell’aria e dalle abrasioni. Uno strato specifico e’ dedicato alla protezione UV che preserva le caratteristiche del materiale dal deterioramento nel tempo. Lo strato a contatto del vetro, protetto da un layer trasparente, è trattato con un adesivo che si attiva con una miscela di acqua e un detergente neutro; l’adesivo è realizzato in maniera tale da mantenere una ottima plasticità anche dopo anni di esposizione in modo tale da poter esser rimosso facilmente con acqua, sapone e raschiettino.

Esistono Tre tipi fondamentali di Pellicole anticalore ed ognuna è in grado di risolvere problematiche specifiche. Ecco i metodi per ottenerle: – vaporizzazione dei metalli: è stata la prima tecnologia sviluppata e sicuramente la piu’ diffusa sono le classiche pellicole ad effetto specchio; – sputtered: per una metalizzazione perfettamente uniforme sull’intera superficie, ottenendo a parità di energia respinta una maggior luce passante, riducono l’effetto specchio; – multilega e nanoceramiche: dalla tecnologia aerospaziale, l’ultima frontiera delle pellicole, per ottenere elevate efficienze diminuendo al massimo la perdita di luce visibile. Tutte indistintamente bloccano al 99% i raggi ultravioletti e rispondono alla classe M1 per la protezione dal fuoco. Tutte le pellicole sono garantite un minimo di 2 anni da screpolature e demetallizzazione.